Home

Questionari...

Durante queste settimane natalizie non sono rimasto inattivo. Armato di questionario ho cercato di intervistare alcuni possibili ‘clienti/utenti’. Il fine era quello di verificare l’esistenza del problema.

Anche se ho già iniziato a mettere in piedi una splash-page per aeolian, con mailing-list e blog, in realtà non ho ancora definito il rpodotto. Mi tengo sul vago, perchè vorrei capire bene che problemi ci sono, quanto sono sentiti e che gravità hanno. Infatti se visitate la splash-page capirete ben poco di quello che ho in mente. E’ mia intenzione modificare il sito, rendendolo più specifico, nelle prossime settimane.

Il questionario

Sono 3 gli aspetti che ho ‘testato’:

1. I DEVICES – verificare se è vero che molti hanno informazioni e dati sparsi su n dispositivi (cellulari, dischi, pc, fotocamere ecc ecc);

2. INFO FLOOD – fare ordine richiede tempo e fatica; più il tempo passa e più il problema si aggrava perchè aumenta il numero e il volume delle informazioni ricevute e create;

3. UI – gli strumenti per interagire con i dati e le informazioni sono poco adatti allo scopo. Ci portiamo dietro il concetto di ‘file & folder’ da almeno 50/60 anni. Questi ‘sistemi’ ci portano a confondere l’hardware con le nostre informazioni.

I risultati

Ho parlato con 14 persone. Ho raccolto dati in modo ‘formale’ solo per 9 intervistati; con gli altri 5 ho parlato approfonditamente dei problemi, ma senza formalizzare. Ho quindi raccolto una serie di dati che vi riassumo.

L’età media degli intervistati è di 35 anni, di cui il 56% di sesso maschile e il 44% femminile. Abitano principalmente nell’hinterland di una grande città, in cui lavorano.

Queste persone possggono mediamente questi dispositivi (nel numero indicato):

pc 2
cellulare 1
smartphone 0
fotocamera 1
lettore mp3 1
videocamera 0
hd esterno 1
usb-key 4
Game console 1

Nonostante il gran ‘chiasso’ che si fa attorno agli smartphone, ben pochi ne hanno uno.

L’89% sa cosa sia un backup e ne fa abbastanza regolarmente.

L’interesse dominante è la fotografia. Tutti gli intervistati scattano foto digitali che poi gesticono con un pc (100%); solo il 33% utilizza anche dei social network per i suoi interessi. I social network più utilizzati sono: Facebook (100%), Linkedin (33%) e Flickr (22%). Il livello di dimestichezza nell’uso del pc (da 1 a 5) è pari a 4, 4 anche per l’uso di internet e 3 per l’uso dei social network.

Tutti sentono come gravi i primi due problemi. Ben pochi ‘sentono’ il terzo problema. I problemi sono stati classificati importanza:

1- DEVICES

2 – INFO FLOOD

3 – UI

Attualmente fanno fronte ai primi due problemi intervenendo ‘a mano’: spostando dati con chiavette o altri supporti. Duplicando e copiando le informazioni. Qualcuno ha riportato l’esistenza di software per la sincronizzazione dei dispositivi e dei dati, ma nessuno ne fa uso.

E’ emerso anche il problema della sicurezza dei dati e della poca fiducia verso uno storage on-line (chi lo gestisce? con che garanzie? che livello di sicurezza e privacy?)

Mi hanno segnalato che sarebbe bello avere uno standard di comunicazione per tutti i dispositivi.

Riguardo al problema delle interfacce di gestione (UI), alcuni segnalano una scarsa usabilità dei software.

 

One thought on “Lean StartUp 1/10 – Primi risultati delle interviste

  1. Pingback: Lean Startup 1.9/10 – Verso la Solution Interview « Zmaker's Weblog

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...