Home

Ammetto di essere un TODO List dipendente: le uso di continuo per tenere tutto sotto controllo ed avere traccia di quello che accade. Nelle mie liste unisco impegni di lavoro e vita personale, cercando di far fronte e pianificare le molteplici attività che sopraggiungono.

Ultimamente mi sono accorto che le semplici liste non erano sufficienti. Spesso accade che a seguito di una mia azione, attenda un riscontro o una reazione. L’azione che devo compiere è inclusa nella TODO list, ma la reazione o il risultato atteso, no. Tale risultato potrebbe essere molto importante: qualcosa che non vorrei lasciarmi sfuggire e che non vorrei passasse inosservato.

Questo tipo di eventi sono di tipo leggermente diverso dai soliti eventi delle TODO list che richiedono una mia azione attiva. Per questo ho iniziato a modificare le mie TODO list contemplando anche questo tipo di occorrenze.

Nella versione più semplice indico le attese di risposta con una casella differente, con una freccetta sul lato (attendo che qualcosa entri nel mio campo di attenzione).

In questo esmepio attendo una telefonata da parte di Andrea. Posso migliorare la segnalazione aggiungendo anche data ed ora.

Quando gli eventi attesi crescono dedico loro un post-it ad hoc, sempre visibile o attaccato nel portafoglio, con le cose che mi devo aspettare che accadano. In cima al post-it al posto di TODO scrivo W4 LIST.

In questo esempio attendo un SMS di risposta, una telefonata e la consegna di un pacco importante.

Nulla di complicato, in fondo! Fatemi sapere se la cosa vi torna utile…

4 thoughts on “W4List – Quando le TODO list non vi bastano

  1. Personalmente utilizzo anche io (e molto) le To Do list… dopo anni sono arrivato a questa codifica – che comunque è in continua evoluzione – rigorosamente manuale (cerco di spiegare i simboli non potendo allegare una foto):

    O a task/action to do
    O/ done (barro la casella tonda)
    O// deferred (doppia barra per un task/action rimandato nel futuro o delegato a qualcuno)
    OX canceled (un task/action cancellato)
    < waiting for (una volta che "arriva" l'informazione la '<' diventa una 'X')
    * un fatto, una nota da tenere, comunque non è qualcosa da fare

    Fino a qualche tempo fa ero solito barrare completamente il testo di un task appena finito. Con il tempo si è rivelato poco utile, poiché rileggere i log era un problema.

    Inoltre preferisco carta-e-penna rispetto al formato elettronico, che ritengo valido solo per la condivisione di informazioni (es team remoti) e/o necessità di accedere allo storico.

    • Ciao Carlo, grazie per il tuo contributo.
      Lo ritengo utilissimo: c’è sempre da imparare! A quanto pare il problema dei task in waiting non è solo mio.
      Molto interessante anche la rimanente casisitica.
      Ovviamente il tutto è redatto RIGOROSAMENTE su CARTA!

  2. Infatti: la CARTA è fondamentale.
    Mi spiego meglio: molti studi sull’apprendimento – e quindi anche sull’efficacia della memorizzazione – evidenziano come la molteplicità di canali (tattile, visivo, etc) aiuti a “ricordare” meglio una cosa. Spesso, inoltre, aggiungo iconcine e piccoli schemini/disegnini…

    • Assolutamente d’accordo! Ho sempre con me il taccuino con appunti e TODO list, corredato da innumerevoli disegni. I disegni hanno una potenza da non sottovalutare e sono più immediati delle parole. Lo so bene essendo anche un mind-mapper incallito.😉

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...